Corrosione galvanica

Corrosione galvanica

Il fenomeno corrosivo più nominato è sicuramente quello noto con il nome di corrosione galvanica, ma ce ne sono anche altri, come quelli provocati dalle correnti parassite, dalle correnti di circolazione e da ogni altro tipo di correnti vaganti. Bisogna infatti ricordare che tutte le correnti elettriche, da qualsiasi fenomeno innescate, provocano fenomeni di corrosione nei metalli interessati dalla loro circolazione. La corrosione galvanica è un fenomeno imprevedibile e spesso molto pericoloso. E' sicuramente diretta conseguenza delle correnti elettriche che nascono e si sviluppano fra due o più metalli, più o meno vicini nella scala galvanica, che, elettricamente collegati tra loro, sono anche immersi in una soluzione salina.

Effetti della corrosione

In queste condizioni ogni metallo assume un proprio potenziale elettrico. Se i  metalli interessati dal fenomeno sono diversi, o direttamente, o attraverso la soluzione salina nella quale sono immersi, inizierà un naturale movimento di elettroni, come in qualsiasi circuito elettrico quando, per qualsiasi motivo, vengono in contatto due punti a potenziale elettrico diverso. Naturalmente l'intensità di questo movimento di elettroni sarà tanto maggiore quanto maggiore sarà la differenza di potenziale elettrico fra i metalli oggetto del fenomeno. Questo movimento di elettroni rappresenta una vera corrente elettrica, che in questo caso viene chiamata corrente galvanica.

La corrente galvanica innesca immediatamente un processo di corrosione che coinvolge tutti i metalli interessati dal fenomeno elettrico. Essendo però la natura intrinseca dei metalli molto diversa tra loro, anche la corrosione cui vengono sottoposti assume quantità a volte molto diverse tra loro. Naturalmente quindi i volumi maggiori di corrosione saranno evidenziati maggiormente nei metalli meno nobili. (Per es. sarà molto più attaccato un alluminio piuttosto che un acciaio).

Effetti della corrosione

Le correnti galvaniche normalmente nascono in modo del tutto spontaneo, pur nelle condizioni appena descritte, apparentemente senza una logica prevedibile. Si è però notato che quasi sempre sono influenze esterne che contribuiscono ad innescare il fenomeno elettrochimico che può poi continuare anche da solo.  Una delle maggiori cause esterne è sicuramente da ricercare nei potenziali elettrici che si manifestano con l'allacciamento degli impianti di bordo a 12 o 24 Volt, alle reti di distribuzione elettrica a 220 Volt. Qesti potenziali elettrici, che sono diversi da quelli presenti nei metalli immersi di una barca, assumono spesso valori anche considerevoli rispetto al suolo terrestre e rispetto alle altre strutture immerse più o meno nelle vicinanze. Come già detto, tutte le strutture metalliche in contatto con acqua salata sono destinate a subire danni quando si trovano attraversate da correnti elettriche di qualsiasi natura ed origine. Tutti i metalli quindi sono interessati a questi fenomeni di corrosione. Tuttavia l'esperienza statistica ha dimostrato che il componente meccanico più soggetto a danni gravi per questi fenomeni elettrici è normalmente rappresentato dai piedi di trasmissione, immediatamente seguiti dagli assi e dalle relative eliche. Anche i bulloni di chiglia delle barche a vela devono essere attentamente sorvegliati, quando si è scoperta la presenza di una qualche corrosione in altra parte della barca. Per tutte le barche poi, i timoni e i relativi assi, anche se vengono un pò dopo nella classifica delle statistiche, non sono esenti e vanno controllati. Seppure in maniera minore, anche le prese a mare possono subire danneggiamenti, ed è bene non dimenticarsi di loro e comprenderle nella lista dei controlli da effettuare. Liinstallazione di un isolatore glavanico permette eliminare ogni innesco di questo tipo ed ogni possibilità di favorire la nascita di questi fenomeni parassiti per evitare tutti i danni descritti, realizzando un perfetto isolamento di tutte le strutture metalliche e di tutti gli impianti elettrici di bordo dagli impianti terrestri di distribuzione elettrica.